Donna J.Haraway – Manifesto Cyborg

 2,340 total views,  1 views today

Haraway parla di tecno-scienza all’alba di una nuova era cibernetica

 2,341 total views,  2 views today

di Federica D’Antonio

Donne,tecnologie e biopolitiche del corpo

“Il cyborg non riconoscerebbe il giardino dell’Eden: non è nato dal fango e non può pensare di ritornare polvere.”

Artist : Xsullo

“Sebbene entrambi siano legati alla danza a spirale, preferirei essere un cyborg piuttosto che una dea.” è la celebre frase del Manifesto Cyborg di Donna J. Haraway. Haraway (1985) sanciva il superamento del femminismo della differenza,umanista ed essenzialista e apriva le porte a una nuova prospettiva tecno-materialista e abolizionista del genere. La teoria cyborg prende in prestito dall’immaginario fantascientifico e cyberpunk , miscugli di carne e tecnologia, per caricarle di un potenziale rivoluzionario e di forza emancipatoria. Nasce così una nuova soggettività politica, un nuovo modo di pensare la corporeità,trasgredendo i confini.

Un saggio che va assaporato a piccoli morsi, non solo perché la prosa è così spesso ricca e commovente, ma soprattutto perché il lavoro della Haraway è così bello da far pensare. Guardando la copia non si può che commentare ogni riga, sottolinearne ogni parola, e così è difficile catturare la complessità del suo pensiero e trasmettere la passione e la rivoluzione del suo lavoro.

Donna Haraway

Leggere il manifesto è entusiasmante.

Per chi è immerso nella politica di una rivoluzione culturale: l’intreccio della vita e della carne con la tecnologia digitale, la cybertecnologia e gli immaginari genomici, e l’acuta necessità di preservare e custodire le cose del nostro pianeta di cui siamo una sola espressione.

In tutto il saggio sembra di viaggiare a ritroso per recuperare il senso di quelle cose come l’affetto, la cura, la relazionalità e l’immersione nel disordine, che sono così cruciali per fare conoscenza e per ricomporre il sociale. Mentre ognuna di queste è così facilmente esclusa dai tre principi della sociologia dell’empirismo, del funzionalismo e dell’argomentazione analitica, ciò che aiuta a invertire la direzione è una tradizione crescente che riunisce ciò che normalmente è tenuto a parte. 

“La tecnologia non è neutrale. Siamo dentro ciò che facciamo ed è dentro di noi. Viviamo in un mondo di connessioni – e importa quali vengono create e non realizzate. “

Si tratta di una tradizione che preme sulla cultura della natura, che ricorda l’uomo come espressione temporanea e come composto delle stesse cose dei mondi che studia e che la tecnologia e gli animali sono tanto co-costitutivi del sociale quanto l’uomo. Mettersi in relazione con il mondo non è pericoloso solo per l’uomo e per il mondo ma, come sottolineano gli scienziati non possono e non devono farlo comunque perché non è una buona scienza.

Leggere il Manifesto e raccontare la scrittura di Haraway aiuta a sperimentare ciò che sta cercando di liberare: un nuovo modo di lavorare e di pensare come animali sociali. Ci aiuta a prestare attenzione a come tutti i confini che nascondono la nostra connettività, la nostra interdipendenza e la nostra relazionalità sono a loro volta connessi. I confini che la sua sfida di lavoro è tra l’umano e l’animale, l’organismo e la macchina, il virtuale e il carnoso, il letterario e lo scientifico.

In particolare, aiuta a illuminare come queste divisioni aiutino a sostenere le relazioni di asimmetria, dominazione e oppressione tra gli esseri umani e gli altri, compresi gli altri esseri umani, perché come queste divisioni sono lavorate corpo a corpo e manifestano asimmetrie di potere tra le diverse classi dell’essere: “ragionevoli”, privilegiate, potenti, spesso eterosessuali, bianche e maschili contro irragionevoli, svantaggiate, deboli, spesso nere e femminili, a volte anche gay o lesbiche. Ciò che lei afferma è come nel nesso di intrecci tra le divisioni ci siano possibilità di riproduzione di rapporti di potere asimmetrici, compresi i peggiori eccessi di guerra e di oppressione del capitalismo. 

Eppure non ne è una critica totale della tecnologia e della scienza. Piuttosto ci offre un modo diverso di fare tecnologia e scienza. 

Haraway, quindi, non mira solo ad abbattere le vecchie divisioni, ma a spostare l’attenzione e i modi di pensare che reinventano la loro connettività. Non solo ci mostra che non siamo mai stati moderni. Lei fa qualcosa di più.

Sta scrivendo la figura della tecno-scienza all’alba di una nuova era cibernetica, l’era della cultura digitale che ci sta per avvolgere. La sua preveggenza è straordinaria. La sua esortazione nel manifesto a capire come tutta la nostra invenzione e creatività tecno-scientifica possa essere srotolata per sostenere le relazioni di dominio, o premere invece sui rapporti di parentela e di connettività. Ricrea la figura delle persone come non mai pienamente umana nel senso del soggetto sovrano, ma come sempre in estensione con l’alterità, in questo caso l’alterità tecnologica. 

More Articles for You