Cover vaporwave: il redesign estetico del nuovo millennio.

 475 total views,  2 views today

La vaporwave, come fenomeno artistico, attinge molto dal cinema e dalla televisione…

 476 total views,  3 views today

di Davide “Inchiostro nero” Cautiero

Come accennato nei precedenti articoli, l’aesthetic nella vaporwave è una componente essenziale, in grado, attraverso le sue gradazioni accese, le sue anacronie multicolore, di conferire all’immagine quell’umore nostalgico, irridente e allo stesso tempo encomiastico, caratteristico del suo genere.

Patinature ’80 e ’90 che, unite alle costruzioni sonore di quei tempi, offrono uno scorcio multigenerazionale, in quanto tra i maggiori esponenti di questo genere ritroviamo sia i millennial che i ragazzi d’oggi.

Tra le tante tecniche utilizzate, vi è quella di rivisitare le locandine dei film, adattandole ai canoni estetici della vaporwave, o di altri generi simili, come la synthwave o il cyberpunk.

Artwork : James white

Stampati che assumono contorni allucinati e policromi, tonalità viola, rosa fluo, come nel caso di Drive ( di per sé synthwave, outrun, ma vaporwave nell’ottica di un’estetica comune, come la filmografia del suo regista Refn ), Blade Runner, Blade Runner 2049, Tron , Robocop, Ritorno al futuro, e cosi via.

Un modo, questo, sia di ridisegnare lo stile di un’epoca, sia di riproporlo sotto un’angolatura diversa, più decentrata, nostalgica e singolare. 

Del resto, la vaporwave, come fenomeno artistico, attinge molto dal cinema e dalla televisione. Basti pensare al nuovo micro genere ‘’ simpsonwave’’, dove le sonorità del novero chillwave, lo-fi, vapor, si mischiano alle immagini e allo ‘’state of mind’’dell’opera di Matt Groening, ‘’I Simpson’’, pervasa, come la vaporwave, da humor e critica sociale.

La reinterpretazione dell’immagine attraverso i filtri della vaporwave, come nel caso di una locandina di un film o la copertina di un album, equivale, quindi, a celebrarla, offrendo, almeno all’apparenza, una nuova chiave di lettura. Un’opportunità per ricreare quel ricordo e quel desiderio lontano che ancora oggi visita le nostre coscienze. 

Ovviamente, questa scelta stilistica non ricade solo sui film del passato, o sui cult intramontabili, ma anche su pellicole odierne, come quella del ‘’Detective Pikachu’’ ( 2019 ) del celebre franchise dei ‘’Pokémon’’ dove è possibile ammirarne diverse rappresentazioni vapor, alcune davvero sorprendenti.

E a voi quale locandina/poster di un film rivisitata piace di più?. E in alternativa, quale rendereste vaporvawe?

Fatecelo sapere nei commenti!

More Articles for You

Laborwave podcast / Referendum e regionali, la vittoria del governo

 51 total views,  20 views today

Resoconto di Referendum ed elezioni

— Featured —

Neonpeetsa connection / Hunedder

 109 total views,  1 views today

lo spazio per le idee del futuro

— Featured —

Design ed Estetica anni 80

 125 total views,  1 views today

Alle origini dell’estetica vaporwave

— Featured —

Pensieri liquidi / Aesthetic poetry

 115 total views,  4 views today

la poesia nell’era del realismo capitalista

— Featured —

Neonpeetsa connection / Chiedo scudo-Elektro Santo Pertini

 116 total views,  1 views today

La scena vaporwave italiana si racconta

— Featured —

Pensieri liquidi / Aesthetic poetry

 189 total views

la poesia nell’era del realismo capitalista

— Featured —