Neonpeetsa Connection Le Astronavi

 872 total views

Oggi incontriamo Le Astronavi !

 873 total views,  1 views today

All’alba di un nuovo domani apriremo la porta del futuro mentre di sottofondo suoneranno…

LE ASTRONAVI instagram

1 – Tre aggettivi per descriverti


Pigro. Vizioso e non mi viene in mente altro.


2 – A quale stile ti ispiri maggiormente?


É difficile per me oggi individuarne uno, il punk mi ha formato nell’adolescenza quindi inevitabilmente ancora vengo ispirato da tutto ciò che abbia un’attitudine di quel tipo (al di là dei cliché di genere), ovvero l’espressione di sè e del proprio modo di vedere il mondo senza compromessi. Che sia musica, cinema, abbigliamento, letteratura o arte figurativa.

3 – Nostalgia del passato o critica del presente?


Assolutamente critica del presente, nonostante paradossalmente stia scrivendo un album che parla in gran parte di infanzia mi sto sforzando di farlo risultare meno nostalgico possibile, i ricordi e le immagini evocate sono sempre messe in rapporto con il presente e servono a nutrire il presente (almeno il mio). I cambiamenti sono inevitabili, la nostalgia gratuita è spesso solo un po’ stucchevole e nel peggiore dei casi rischia di essere reazionaria. Parlando ad esempio della Vaporwave e chi la apprezza solo per il suo lato nostalgico non credo l’abbia veramente capita. La forza di questa corrente artistica è proprio la critica del presente (dei media e del consumo) che avviene sfottendo anche affettuosamente il passato. Lo spot avveniristico di un’auto o di qualsiasi prodotto degli anni 80/90 oggi ci fa sorridere e risulta grottesco, ieri ci sembrava avveniristico e l’oggetto pareva indispensabile, impressione che probabilmente avremo fra una ventina di anni (anche meno probabilmente) con qualcosa che viene considerato avveniristico e indispensabile oggi.


4 – Cinque libri e cinque album che metteresti nello zaino prima dell’apocalisse

Libri:
“Non vorrei crepare” Boris Vion , “Frammenti di un insegnamento sconosciuto” P.D. Uspenskij, “Walden” Henry Thoreau, “L’anarchia. Il nostro programma” Errico Malatesta, “La Boutique del mistero” racconti, Dino Buzzati.
Album:
-“Killers” Iron Maiden
-“The Will” Kafka
-“La buona novella” Fabrizio De André
-“un album a caso di musica classica” (normalmente non l’ascolto ma con l’apocalisse si intona bene)
-“Cosa facciamo?” Porno Riviste

5 – Hai la macchina del tempo, cosa fai?

In questo momento forse la cosa giusta da dire è che la userei per prevenire o superare la situazione che stiamo vivendo oggi, mai nella vita avrei pensato di assistere ad una pandemia. Vorrei davvero andare “avanti veloce” per sapere quando ne usciremo e se avremo imparato qualcosa da questa situazione. Andrei poi sicuramente avantissimo nel tempo tipo 5050. Mi leverei un po’ di sfizi personali, dire cose che non ho detto, fare cose che non ho fatto ecc.
Forse però ad essere onesto la prima cosa che farei sarebbe andare a vedere i dinosauri.

6 – Gli ingredienti musicali per un’ottima neonpeetsa.


Mi piace sempre di più lavorare sui contrasti. ci sono diverse canzoni del nuovo album che passano da accordi dolci a sonorità noise così come la voce che si sovrappone o oscilla tra il sussurrato e l’urlato. Questo in parte è sicuramente dovuto ai miei ascolti musicali del passato e del presente che vanno inevitabilmente a mescolarsi, ma direi anche che il contrasto in sé mi affascina proprio perché è un “ingrediente” terribilmente e meravigliosamente umano. C’è un discorso del fumettista Grant Morrison reperibile su YT che tocca perfettamente l’argomento. Nessuno di noi ha una sola personalità, un solo suono o una sola voce, voglio che nella mia musica, almeno in quella, nessuna delle mie venga zittita.

7 – Prima di salutarci regalaci uno spoiler delle tue news!

L’ album nuovo si chiamerà Barren.

“I Barren” è il luogo inventato da Steven King nel romanzo “It” dove si riuniscono i membri del Club dei perdenti da bambini e dove tornano da adulti per lottare una seconda volta contro la creatura e le loro paure.

Sarebbe dovuto uscire a fine giugno avevamo anche la data fissata per il relase ma per ovvi motivi, i lavori, seppur quasi terminati sono sospesi e quindi sarà tutto posticipato. Manca poco comunque.

More Articles for You

Labourwave podcast/Afghanistan: la guerra continua

 13,776 total views,  105 views today

 13,776 total views,  105 views today Di Samuel Seminara

— Featured —

Labourwave podcast/Kabul, ultima spiaggia

 16,098 total views,  104 views today

 16,098 total views,  104 views today Di Samuel Seminara

— Featured —

Il futuro è sempre più vaporwave

 384 total views

i riverberi hauntologici della nostalgia

— Featured —

Vaporwave digital poetry

 191 total views,  1 views today

Pensieri Liquidi

— Featured —

Interferenze e bassa qualità, il passato è pura distopia.

 42,958 total views,  104 views today

 42,958 total views,  104 views today Siamo ormai abituati anzi, troppo coccolati, dalla tecnologia odierna fatta di istantaneità di immagini, suoni, acquisti …

— Featured —

Vaporwave digital poetry

 360 total views

Pensieri liquidi

— Featured —